La ricetta di un dolce veloce con olio evo

Quando si pensa all’utilizzo dell’olio evo in cucina, è immediato l’accostamento all’aglio ed al peperoncino. E’ frutto di una tradizione che vuole l’olio come base per tutte le preparazioni salate tipiche della dieta mediterranea. Ma l’olio può diventare un ingrediente di primo piano anche nei dolci, ed oggi voglio raccontarvi di questa ricetta formidabile.

Si tratta di una preparazione che può essere adatta sia per un ciambellone che per muffin o bundt cake (classica o monoporzione). A voi la scelta, in base anche all’occasione che vi spinge a cucinare questo dolce.

Nel mio caso era la voglia di qualcosa di diverso dal solito, dovuta a questa estate che è ancora inverno pur essendo già troppo calda per i miei standard da LargoBaleno.

Ricette di dolci con l'uso di olio evo di oliva: ciambellone con gocce di cioccolato e bundt cake senza lattosio

Partiamo con gli ingredienti…

100 ml di olio extravergine di oliva. A voi la scelta del tipo di olio. Nel mio caso ho optato per l’olio Malandrino, un prodotto DOP del Cilento. Ve ne ho parlato nel post in cui vi ho raccontato della mia giornata a Cibus!

200 ml di latte. Potete scegliere voi il tipo di latte. Io ho mixato metà dose di latte parzialmente scremato con metà dose di latte di mandorla. A seconda del gusto che volete dare al vostro dolce potete usare latte di mucca, di riso, di cocco, di mandorla, ecc.

3 uova. Ricordate di lasciarle fuori dal frigorifero! So che è vago indicare il numero di uova, considerate quelle comuni, di grandezza standard (da supermercato per intenderci).

300 g di zucchero semolato. Da un po’ di tempo utilizzo nei dolci lo zucchero grezzo di barbabietola, ma avendolo finito mi sono accontentato dello zucchero bianco.

350 g di farina. Io ho seguito i consigli della mitica Valentina Leporati, e come ci ha insegnato al suo corso di cucina ho usato il Mix It Schaer senza glutine. Personalmente non sono celiaco ma mi piace la consistenza che questo preparato dona ai dolci.

Mezza bustina di lievito.

Aroma alla vaniglia o bacca di vaniglia. O altro aroma a vostra scelta, sempre a seconda dei vostri gusti.

Gocce di cioccolato q.b. (o marmellata, crema spalmabile alla nocciola, o altro per farcire).

…e mettiamo le mani in pasta!

Il procedimento da seguire è davvero semplicissimo.

Si parte con gli ingredienti liquidi. Se avete la bacca di vaniglia, incidetela a lasciatela in infusione nel latte caldo fuori dal fuoco. Lasciate intiepidire ed unitevi l’olio e le uova sbattute. Se avete l’aroma di vaniglia, vi basterà aggiungerne un po’ di gocce al latte (in questo caso non deve essere scaldato), ed unire l’olio e le uova sbattute.

A questo punto incorporate gli elementi solidi: farina, zucchero e lievito. Mescolate con una frusta a mano (per evitare che voli tutto, come succede sempre a me quando uso le fruste elettriche), finchè il composto non risulterà liscio ed omogeneo.

A voi la scelta: potete aggiungere le gocce di cioccolato direttamente nell’impasto prima della cottura, o scioglierle al microonde ed usarle come copertura per la vostra torta.

Per quanto riguarda la cottura, occorreranno circa 20 minuti di forno ventilato a 180 gradi. Controllate la cottura ovviamente, che può variare in base al forno e soprattutto al formato di tortiera scelto.

Perchè usare l’olio evo per una torta?

Ed ecco la domanda cruciale. Il motivo è molto semplice ed intuibile: intanto con l’olio evo si evita di utilizzare il burro.

Non sono contro l’utilizzo di burro, ma alcune diete lo escludono. Una soluzione ad esempio per chi è intollerante al lattosio, è quella di utilizzare l’olio ed il latte di riso. Inoltre in questo tipo di torte l’olio evo alleggerisce l’impasto e dona un sapore diverso dal solito. Può essere quindi un’alternativa golosa ai classici dolci.

Ricordate poi che potete divertirvi ad aromatizzare l’olio (ad esempio lasciando in infusione la lavanda o delle foglie di menta) ed utilizzarlo nei vostri dolci al posto della vaniglia (o in aggiunta).

Fatemi sapere se questa ricetta vi è piaciuta, e ricordate di taggarmi sulle foto dei vostri dolci su Instagram (@largo_baleno).

Leave a Comment